ACM_HeaderHome.png
 

tredici storie,
una città: la nostra! 


Candidata al Municipio e al
Consiglio comunale di Bellinzona

 

La nuova Bellinzona comincia adesso.
 

Io vorrei continuare a fare la mia parte anche attraverso un impegnato lavoro in politica. La nuova Bellinzona comincia adesso. Il nuovo soggetto politico non sarà un “centro” che si impone sulle “periferie” ma dovrà trattarsi di 13 identità (storie, appunto) per creare una nuova realtà forte: il Municipio e il Consiglio Comunale che saranno eletti dai cittadini in aprile si dovranno distinguere nella capacità di realizzare questa promessa. 

Intendo in queste prossime settimane portare avanti diverse proposte concrete per andare proprio nella direzione di una unità nuova e propositiva: vi chiedo di sostenermi, se vi riconoscerete nei miei progetti e nelle mie idee. Allora potremo realizzare insieme i nostri propositi.

 

Mi sono candidata per il Municipio di Bellinzona perché c’è in gioco il futuro di 13 Comuni con una lunga storia e delle importanti peculiarità da salvaguardare e quello di un’intera regione che ambisce ad avere un ruolo chiave nel Sopraceneri e in tutto il Ticino, per noi e per i nostri figli.

Un’importante sfida, dunque, in cui desidero essere protagonista con le mie idee, le mie competenze, la mia sensibilità e la mia energia. Mi sono resa disponibile perché la politica mi entusiasma e sono convinta che, se vissuta e condotta con impegno vero, essa è fondamentale per costruire un futuro forte. Ognuno di noi ha dei compiti nella vita e dentro la comunità: dalla responsabilità centrale della famiglia e del lavoro, all’interesse attivo per associazioni e realtà sociali e culturali, all’adempimento serio dei doveri di cittadino. 

tante vite, una città


 

Siamo tutti cittadini della nuova città.


Abitanti di Bellinzona, Camorino, Claro, Giubiasco, Gnosca, Gorduno, Gudo, Moleno, Monte Carasso, Pianezzo, Preonzo, Sant’Antonio e Sementina: siamo tutti cittadini della nuova città. Occorre adottare misure concrete che permettano a tutte le realtà attive nei futuri quartieri di continuare a svolgere le loro attività: sono le associazioni, i gruppi, le parrocchie, i momenti ricreativi e le manifestazioni il cuore pulsante della Città. Ho delle idee per far sì che il loro futuro sia garantito e valorizzato.
 

 

per i giovani


 

I giovani sono la linfa del futuro.


I bisogni e le aspirazioni dei giovani devono essere una preoccupazione della politica. Occorre un impegno concreto per costruire una città che permetta ai giovani di crescere bene, formarsi, trovare un lavoro. Ma non è sufficiente: occorre dar loro dei luoghi e degli spazi in cui possano vivere una vita sociale, confrontarsi ed esprimersi. Vanno valorizzati e sostenuti! Da minorenni ma anche da giovani adulti. È fattibile, basta volerlo fare veramente.

 

Alice_02.jpg
 

bellinzona viva


 

Prossimità e qualità
dei servizi.


Una città a misura d’uomo, per favorire la qualità di vita e un ambiente ricco di socializzazione e di familiarità. La Città deve essere funzionante ma anche viva: il fattore umano è decisivo.
L’organizzazione dei servizi sul territorio è un tassello fondamentale. Occorre investire in modo mirato nelle infrastrutture (scolastiche, ricreative, sportive, ecc.) e nelle mobilità. Nessuno deve sentirsi/essere periferia.


 

 

biografia


 

Alice Croce-Mattei

 

Giurista, moglie e mamma.
Nata l’11 luglio 1982, sono cresciuta a Bellinzona dove vivo. Dopo il conseguimento della maturità federale ho studiato all’Università Statale di Milano laureandomi nel 2004 in Diritto Commerciale (Bachelor) e ottenendo poi il Master in Diritto Finanziario nel 2006. Dopo un soggiorno negli Stati Uniti e un’esperienza lavorativa presso uno studio legale di Milano sono rientrata in Ticino…
 

 
 

Contatto

 
Nome *
Nome